Area relazione


L’area delle relazioni ha lo scopo di valorizzare la relazione con il residente e la vita sociale dello stesso, cercando di rispondere ai suoi bisogni, interessi e desideri.

Per fare ciò l’equipe delle relazioni lavora in modo multidisciplinare proponendo incontri/attività/terapie per singoli e per gruppi.

L’area delle relazioni è composta da un’équipe di professionisti (Specialista in Attivazione, Operatrice Validation, Animatrice, Psicologa) che lavorano insieme al fine di instaurare e valorizzare la relazione con il residente, e le relazioni che questo va a creare all’interno della CpA.

Lo Specialista in attivazione promuove il coinvolgimento del residente nei diversi momenti della giornata. Propone interventi terapeutici (Terapia d’attivazione) individuali o di piccolo gruppo per stimolare e mantenere le risorse presenti. I temi proposti sono pertinenti al contesto socio-culturale in modo che la persona possa identificarsi, ricordare e condividere pensieri, emozioni ed interessi. Le attività proposte si strutturano a partire dalla storia di vita e dei vissuti del residente e si adeguando alle loro caratteristiche individuali.

L’Operatrice Validation offre un metodo anch’esso basato sull’empatia, sull’ascolto attivo e sul calore umano, per entrare in sintonia con il mondo dell’anziano malorientato e disorientato. Viene sfruttata la comunicazione verbale e non verbale per dargli ancora un ruolo sociale all’interno di un gruppo, attraverso il Metodo Validation.

Le attività di Animazione si svolgono nel contesto di grande gruppo ed hanno l’obiettivo di valorizzare il tempo libero dei residenti, tendendo conto delle tradizioni locali, coinvolgendo parenti e conoscenti creando così un ambiente familiare che rispetti le loro abitudini.

Sono quindi proposte attività creative manuali (decorazioni, bricolage, cucina), attività ricreative (giochi di società, proiezioni di film, eventi musicali, uscite), attività cognitive (letture, cruciverba, dialetto, francese, allenamento memoria) ed incontri con l’esterno (scuole elementari e medie, ludoteca).

Il supporto psicologico si basa sull’empatia, sull’ascolto attivo dei bisogni e sull’instaurare una relazione autentica e reciproca. Nei colloqui l’attenzione è posta quindi sull’ascolto attivo ed empatico, sull’uso di gesti accoglienti e rassicuranti per creare la possibilità, nel progressivo incrinarsi della salute fisica, di trovare sicurezza nel vedersi oggetto di “amore incondizionato” (grounding emotivo relazionale). L’uso dell’ironia è fondamentale come efficace meccanismo di difesa in una fase della vita di fragilità.

L’equipe delle Relazioni si occupa inoltre dell’accompagnamento alla morte e dell’elaborazione del lutto.

 


Copyright © 2019 Istituto Leventinese per anziani Santa Croce. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.